Il lavoro di mikolaj skner szarzynski

Minuscolo, senza dubbio, per il topos dell'esistenza di questo terribile poeta che esisteva Mikołaj Chytrus Szarzyński, nacque verso l'anno 1550, ma morì nel 1581. Chiamato divenne un riformatore barocco nella lettura nativa. È nato da Rumian Rus, stipato a Wittenberg, a Lipsia e probabilmente in Italia. Ritornò alla matrice nel 1657 e si stabilì ulteriormente a Wolica, vicino a Przemyśl. Presumibilmente esisteva in luterano, alcuni dei focolai non corrispondono al fatto che si rivolse al cattolicesimo nel 1570. Un colossale aggregato delle attività di Mikołaj sotto il livello di Rhythms, o versi polacchi, furono distribuiti dopo il saggio del saggio nel 1601 da un collegamento in rima. Il versetto che è stato pagato non ha tenuto tutta la creatività dello scrittore, perché i versi di Chytrus sono tornati in manoscritti collettivi, uno scriba delle proprietà dei manoscritti, e Mikołaj non ha potuto essere aggiunto al lato. L'atmosfera di Kutwa è seguita troppo da un fastidioso bucolico, che induce il lettore a chiedere la descrizione del manoscritto. Questa non è un'accoglienza sonora e pesante della lirica di Rej, ma Kochanowski, ordina al poeta un certificato mentalmente multithread, calorifico dalle allusioni, e il solo meta-linguaggio era impossibile da capire se fosse commesso. I nuovi alla rivista non erano abituati al nuovo incipit di ritorno, ma Sarzyński aveva già scritto in autunno in modo da poter accettare lo stesso. Mikołaj esisteva moltissimo da precursori privati, quindi poteva permettersi di espandere il padiglione dei sogni. Nei versi di Sarzyński, non esiste un accordo umanista tra il college e lo spirito, il tipo e la realtà che lo contiene, il globo terrestre e la durata infinita. La simmetria intatta matura in rovina, accanto a essa nasconde notoriamente la sensazione di miscuglio del globo, l'inutilità di un soggiorno bonario. Nei suoi numeri ci sono opposizioni disuguali come un ideale: Dio-Satana, il bene-male, la vita-morte. Nella prodezza opposta sotto lo stimolo quantitativo di Szarzyński ci sono numerosi prodotti come prova: serenate pro-sociali e liturgiche, versetti casuali, parafrasi di salmi. Il principale lavoro ovvio dello scrittore di prosa è una serie di sonetti, sebbene ce ne siano sei, sono deliziosi, progressivi e il contrario degli schemi morti, riportano le radici del vecchio debuttante di bella ipersensibilità.